Pica's words - Rossana Pica

Vai ai contenuti

Menu principale:

Universo 

Mi appoggio al nulla 
che è colmo di me 
Mentre scruto 
l'eterno  firmamento 
che mi sovrasta
senza vedermi
Arte

La mente 
grassa,
sazia dell'appetito  
di conoscere
cerca solo una luce
rivelatrice,
un istante di
immortalità
futura
Malattia

E in un attimo
vidi il fulmine 
della morte.
Atroce dolore
pervadeva 
il mio corpo.
La mente esausta
supplicava la
fine
del tormento,
una nuova 
vita
A un grande amore

Perchè 
i miei polmoni
scoppiano di gioia,
lacrime vivaci
solcano le mie giovani gote,
il mio pensiero
non spazia
senza la tua presenza.
Perchè
vivo veramente
se ti sento vicino,
e non c'è angolo
della mia mente
che non ti appartenga,
e un dolce
gelido brivido
si impossessa del mio corpo
alla tua immagine.
Anche se
non ti avrò mai,
so per certo
che ti amerò
sempre
Smarrimento

L'amore
mi ha sfiorato più volte,
io
cieca cercatrice
ne ho assaggiato
l'esteriorità,
senza assaporarne
l'assenza.
Mete impossibili
il mio desiderio.
Forte il mio orgoglio
precludeva una
felicità
ad un palmo di mano.
Povero cuore smarrito
in cerca d'affetto 
Primavera

Vorrei capire il motivo,
perchè certe volte
mi sento un pò strana
con gli altri, incostante,
se lo sapessi, magari,
sarebbe più facile vivere
in questa odissea 
senza fine 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu